Le terme dell’ultima valle

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in galleria collages

Quasi un anno e mezzo di tempo su questo collage…Ripensamenti cambiamenti difficoltà nuovi equilibri: la ricerca della sua armonia… Certo il posto è gelido e decadente in questa Abbazia montana…però qualcuno si ostina contro tutti e tutto a tenere in piedi un servizio di classe con grande dignità… forse per pochi clienti avventurosi…
Nell’immagine che abbiamo fermato l’atmosfera diventa magica: la bambina perfetta attende gli ospiti che sono saliti nelle loro camere a cambiarsi di abito. C’è anche chi-la ragazza al centro-si toglie gli ultimi veli per immergersi nell’acqua calda…un’immersione veloce prima di cena…mentre un’altra bagnante si asciuga con un bianco telo in lontananza. I grandi cani sonnecchiano-come nella favola-La bella addormentata nel bosco-…qualche gallina ancora a giro…una vecchia servente si è appisolata su una panca…e da quanto tempo stanno lassù quei panni stesi? Inappuntabile anche il cameriere con la sua divisa stirata e spazzolata… Dev’essere nevicato in giornata e il vento ha portato dentro un po’ di bianca neve…
Un posto così non si trova più. Auguriamo al proprietario-direttore di campare ancora cent’ anni!
Ora,se permettete vado a fare un ultimo bagno anch’io e poi a tavola dove mi anno riservato un posto. Nella notte buia che scenderà brilleranno candele accese per tenerci svegli e per compagnia.

Jorge Teillier

Jorge Teillier

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in .Libri,autori,pagine,appunti..., galleria collages

Un collage omaggio a Jorge Teillier.(Lautaro, 24 de junio de 1935-Viña del Mar, 22 de abril de 1996).
Il Collage è ambientato nei miei “Luoghi dimenticati” ex Villa di Cafaggio-Sant’Agata Mugello-.
-…Si è vero, ho speso tutti i miei gomiti nelle taverne…- frasi e storie che troviamo nel libro “Confesso che ho bevuto” di P.P.Guerrrero.
Per caso ho trovato nel 2015 il poeta Jorge Teillier (un Alain Fournier-un piccolo principe di Saint-Exupery).
Certo,come ho scoperto successivamente, è incredibile anche la storia della ex-moglie la signora Arredondo vedova poi dello scrittore peruviano José Maria Arguedas.
Di Arguedas ho amato molto il suo romanzo “Todas las sangres”.

Jorge Teillier
Collage-2015- per il poeta Jorge Teillier

Jorge Teillier – Poesia per René Guy Cadou
Parlare d’un poeta
È parlare delle colline, degli stagni, delle distese della memoria,
dei pesci, dei rampicanti, delle mareggiate.
Poeta dal nome chiaro come un ciottolo in mezzo alla corrente,
mettevi insieme parole come selci,
parole un po’ semplici e rustiche
da cui nasce un fuoco che non è dimenticato.
René Guy Cadou, poeta amico del barilaio, del postino, del guardaboschi e del contrabbandiere,
vivevi in un villaggio di seicento abitanti.
Lì eri professore di una scuola rurale
il peso dell’odore del giardino soffocava l’aula
come l’aula dove anche tuo padre era stato maestro.
Ti piaceva parlare con la gente che assomiglia alle pentole di creta,
camminare a piedi nudi come i bambini,
guardare giocare a carte all’osteria.
Di notte leggevi alla luce d’un fuoco di spini
mentre i gatti facevano le fusa e tua moglie cuciva
(Helena, cui dicesti che sempre sareste vissuti in cielo).
Avevi un poeta preferito per ogni stagione.
In autunno era Verlaine, la primavera fioriva con tutte le rose di Ronsard,
l’inverno portava la carrozza di Meaulnes
e la stagione violenta, il rumore di spade cozzanti in una locanda di Alessandro Dumas.
Tu non eri mai solo,
t’illuminava il ricordo di tuo padre che tornava dalla caccia invernale.
E mentre i tuoi amici andavano al Caffè
alla Brasserie Lipp o al Deux Magots,
tu salivi in camera tua
ed affrontavi il Volo raggiante.
A prua della tua nave
t’affacciavi a vedere le vie del tuo paese di pantani e fate e mari,
tracciate come le righe d’un quaderno di scuola.
Le tue parole arrivavano
come uccelli che sanno che c’è sempre una finestra aperta alla fine del mondo.
E le poesie erano girasoli accesi
che nascevano dal tuo cuore profondo e segreto,
riscattate come la nostalgia,
l’unica realtà.
Tu sapevi che la poesia dev’essere usuale come il cielo che ci sopraffà,
che non significa niente se non permette agli uomini di avvicinarsi e di conoscersi.
La poesia si deve scambiare come una moneta di tutti i giorni,
e deve stare su tutte le tavole
come una bottiglia di vino il cui canto illumina segretamente, i sentieri domenicali.
La poesia
è un respirare in pace
perché gli altri respirino.
Sapevi che le città sono incidenti che non prevarranno sugli alberi.
Che la poesia non si grida sulle piazze né si va a vendere sui mercati di moda,
che non si scrive con saliva, con benzina, con smorfie,
né col povero umore di quelli che vogliono richiamare l’attenzione
con scherzi da pagliacci pretenziosi,
e che non servono a niente i grandi discorsi balbettanti di chi non ha niente da dire,
e trasforma la poesia in una stanza cieca ed insalubre.
Una poesia deve essere
Un pane fresco,
un cesto di vimini
e deve essere letta dagli amici sconosciuti
sui treni che arrivano sempre in ritardo a paesi sperduti,
o sotto i castagni delle piazze dei villaggi.
Qui pochi sanno che cos’è una poesia,
pochi si sono messi con la faccia al vento in mezzo al grano,
pochi sanno che cos’è un poeta.
Tu se morto in una stanza dove si radunava tutta la primavera,
guardando una cesta di mele.
“Ho visto morire un principe”
ha detto uno dei tuoi amici.
E questo primo di novembre
quando mi circondano i morti che sempre stanno con me,
penso alla tua serena e rude fede
che posso amare
come una piccola chiesa azzurra di paese
dove c’è un prete anziano che non chiede nient’altro che spartire il suo pane.
Tu parlavi col tuo Dio
come col povero figlio del falegname
perché sapevi che ogni giorno si crocifigge anche un poeta.
(Gesù aveva trentatre anni
Jean Arthur anche era Cristo
crocifisso quando ne aveva trentasette).
Ma a te non importava che ti sputassero in faccia o ti dimenticassero
perché nessuno potrà impedire a un uccello di cantare
e il poeta abbattuto
è solo un albero rosso che segnala l’inizio del bosco

La tempesta del 5 marzo 2015

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Sant'agata Mugello
Il 5 marzo si è abbattuta sul Mugello e la Toscana una tempesta di vento provocando ingenti danni -soprattutto
verso tanti alberi anche secolari,spezzati o sradicati….
Non era certo la novella del” Vento tramontano” (originaria
del Mugello)inserita da I.Calvino nella raccolta di Fiabe Italiane. Questo vento di Tramontana e Grecale non ha avuto un esito positivo come nella fiaba…

Andrea 2 foto

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Sant'agata Mugello


Certe volte-nella bella stagione-arrivavo a Sant’Agata in quelle così dette “ore bruciate”. Non un’anima né un cane. Bar chiuso. Messico e nuvole allo stato puro.
Solo Andrea trovavo co’l bello o il cattivo tempo.E lo trovavo seduto sulle sue panchine  nella piazza grande o nella piazzetta davanti al bar.
-Andrea ciao!-gli dicevo…-oh i che gl’è successo in questa settimana che sono mancato? – e Andrea come la Stasi o il bollettino dei necrologi mi metteva al corrente degli ultimi avvenimenti.
Accendevo una sigaretta e sedevo insieme a lui. Due chiacchiere nel silenzio  fra i fantasmi del paese. Finito di fumare un saluto e via a casa.

Totem e magia.

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Sant'agata Mugello

Alcuni anni fa con Maquis vagando per i miei ” Luoghi dimenticati ” ci siamo imbattuti (sorpresa e stupore) in questo grande tabernacolo…Ah! la natura fa anche queste magie. Mi è apparso come un enorme totem: gli occhi, il naso, la bocca e sotto, come in un rituale magico (spolpati della corteccia) rami bianchi, deposti e disposti in una precisa,millimetrica, e raffinata simmetria. Incredibile.

A Roma direbbero – che vorrà dì…? –